Menů
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novitŕ

Categorie
Achab
Argonavis Edizioni
Arterigere
AttilioFraccaroEditore
Autoproduzioni Fenix
Azione Sperimentale
Bébert Edizioni
ben...Essere
BFS Edizioni (Biblioteca Franco Serantini)
Biblohaus
Bizzarro!
Book Editore
Casa di Marrani
CD Musica
Centro Documentazione di Pistoia
Centro Espressioni Cinematografiche
Centro Studi Cinematografici
Cinemareale Associazione Culturale
Cinemazero
Cittŕ del Sole Edizioni
Colibri'
Diest
Dissensi Edizioni
Drago Edizioni
Ecomuseo Colombano Romean
Edicta
Editrice A
Edizioni Creativa
Edizioni del Faro
Edizioni L'internazionale
Edizioni Nautilus Torino
Edizioni S
Ellin Selae
EMI
Ente dello Spettacolo
Eris Edizioni
Ermes
Ferrari Editore
Frullini Edizioni
Gallino
GME Produzioni
Il Galeone
Immanenza
Impremix
Intra Moenia
Isonomia
Istrixistrix
Jona editore
Kappa Vu
Kurumuny
L'Obliquo
La Cineteca del Friuli
La cittŕ del sole
La Fiaccola
La Mandragora
La Memoria del Mondo
La Piccola
La Rosa
La Tana
La Zattera dell'Arte
La Zisa
Lorusso Editore
Lu.Ce Edizioni
Magmata
Malanotte Autoproduzioni
Marco
Marx Ventuno
MC Editrice
Memoria Generazionale
Michele Manca Edizioni
Moroni Editore
Multimedia
Muscles
Nautilus
NonCredoLibri
Ortica Editrice
Petite Plaisance
Porfido
Progetto Accademia
Prospettiva Editrice (Civitavecchia)
Prospettiva Edizioni
Punto Rosso
Rave Up
Red Star Press
Rinascita Edizioni
Sabbiarossa Edizioni
Sala
Sankara
Savej
SEB 27
Secondavista Edizioni
Seminario Veronelli
Sensibili alle foglie
Serarcangeli
Shambhu
Sicilia Punto L Edizioni
Simple
Societŕ di Mutuo Soccorso Ernesto de Martino
Storia Ribelle
Tabor
Tucker Film
Zambon
Zero in Condotta

CERCA
inserisci una parola:
 
 
     

offerte

DZERŽINSKIJ. IL «GIACOBINO PROLETARIO» DI LENIN



Prezzo*: € 20,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Un’appassionante e dettagliata biografia del grande rivoluzionario internazionalista.
Dzeržinskij fu uno degli organizzatori della socialdemocrazia in Lituania e in Polonia. Dal 1906 membro del Comitato centrale del Partito Operaio Socialdemocratico Russo.
La sua fede nella causa della classe operaia, e nel comunismo non venne mai meno malgrado le numerose carcerazioni, le condanne ai lavori forzati e all’esilio. Le sue audaci fughe dal confino lo restituivano nuovamente alla lotta: sulle barricate e in clandestinità, nel lavoro di elaborazione teorica, agitazione, propaganda, e organizzazione.
Durante la rivoluzione d’Ottobre fece parte del Comitato militare rivoluzionario di Pietrogrado e fu uno dei dirigenti dell’insurrezione. Fu chiamato da Lenin, che lo qualificò “giacobino proletario” a dirigere la Commissione Straordinaria di tutta la Russia (Čeka), creata dal Consiglio dei commissari del popolo per combattere la controrivoluzione, il sabotaggio e la speculazione. Dzeržinskij, in questo difficile compito, tenne fede a quelle che egli stesso indicava come le qualità indispensabili di un čekista: “un cuore ardente, mente fredda e mani pulite”.
Nei i terribili e sanguinosi anni in cui l’intervento delle potenze imperialiste e la guerra civile misero in pericolo l’esistenza stessa del giovane Stato sovietico, Dzeržinskij impegnò tutte le sue energie gettando la sua organizzazione nella difesa dei confini, nella lotta contro le truppe mercenarie dei Bianchi, nella caccia allo spionaggio straniero.
La stessa completa dedizione Dzeržinskij mise al servizio dei compiti del “tempo di pace” per risollevare la Russia sovietica dalle rovine, dalla carestia, dalla fame. Eletto alle più alte cariche del governo e del partito, egli e la sua organizzazione assunsero nuovi, importanti compiti: dall’assistenza e recupero fisico e morale dei bambini e degli adolescenti rimasti senza famiglia e senza casa, alla difficile organizzazione dei trasporti ferroviari, essenziale per l’approvvigionamento dell’immenso paese.
Come presidente del Consiglio per l’economia popolare dell’URSS, Dzeržinskij condusse la lotta per la ricostruzione e lo sviluppo dell’industria metallurgica e dell’industria pesante, affinché – come aveva previsto Lenin – “la Russia della NEP si trasformasse nella Russia socialista”, indipendente economicamente e politicamente dalle potenze imperialiste.
La morte prematura lo colse nel fuoco della sua ultima battaglia in difesa dell’unità del partito e della linea leninista, nel compimento di quello che egli considerava un dovere non imposto ma profondamente sentito come “una necessità organica”. Dovere a cui aveva deciso, fin dalla prima giovinezza, di dedicare la sua intelligenza, la sua volontà, le sue energie, sempre anteponendo l’interesse della classe operaia a qualsiasi sentimento ed esigenza personale.





Torna alla homepage




CARRELLO DELLA SPESA
  sono presenti
0 prodotti
 
     

Login

NEWSLETTER
inserisci la tua email:
 
 
     

Novitŕ