Menù
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità

Categorie
Achab
Argonavis Edizioni
Arterigere
AttilioFraccaroEditore
Autoproduzioni Fenix
Azione Sperimentale
Bébert Edizioni
ben...Essere
BFS Edizioni (Biblioteca Franco Serantini)
Biblohaus
Bizzarro!
Book Editore
Casa di Marrani
CD Musica
Centro Documentazione di Pistoia
Centro Espressioni Cinematografiche
Centro Studi Cinematografici
Cinemazero
Città del Sole Edizioni
Colibri'
Diest
Dissensi Edizioni
Drago Edizioni
Ecomuseo Colombano Romean
Edicta
Edizioni Creativa
Edizioni del Faro
Edizioni L'internazionale
Edizioni Nautilus Torino
Edizioni S
Ellin Selae
EMI
Ente dello Spettacolo
Eris Edizioni
Ermes
Ferrari Editore
Frullini Edizioni
Gallino
GME Produzioni
Il Ciliegio
Il Galeone
Immanenza
Impremix
Intra Moenia
Isonomia
Istrixistrix
Jona editore
Kappa Vu
Kurumuny
L'Obliquo
La Cineteca del Friuli
La città del sole
La Fiaccola
La Mandragora
La Memoria del Mondo
La Piccola
La Rosa
La Tana
La Zattera dell'Arte
La Zisa
Lorusso Editore
Lu.Ce Edizioni
Magmata
Malanotte Autoproduzioni
Marco
Marx Ventuno
MC Editrice
Memoria Generazionale
Michele Manca Edizioni
Moroni Editore
Multimedia
Muscles
Nautilus
NonCredoLibri
Ortica Editrice
Petite Plaisance
Porfido
Progetto Accademia
Prospettiva Editrice (Civitavecchia)
Prospettiva Edizioni
Punto Rosso
Rave Up
Red Star Press
Rinascita Edizioni
Sabbiarossa Edizioni
Sala
Sankara
SEB 27
Secondavista Edizioni
Seminario Veronelli
Sensibili alle foglie
Serarcangeli
Shambhu
Sicilia Punto L Edizioni
Simple
Società di Mutuo Soccorso Ernesto de Martino
Storia Ribelle
Tabor
Tucker Film
Zambon
Zero in Condotta

CERCA
inserisci una parola:
 
 
     

offerte

SABBIE



Prezzo*: € 15,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

È difficile andare in Africa rimanendo indifferenti alle situazioni di povertà ed ingiustizia sociale che s'incontrano.

Anch'io, come tanti altri, sono rimasto profondamente colpito e

cerco di dare in questo modo il  mio contributo.

I proventi di questo libro, una volta coperte le spese, andranno a finanziare un progetto a Galcia in Etiopia che sarà realizzato in collaborazione con la rivista Nigrizia.

 

"Il deserto non si racconta, si vive"

In questa frase di Mano Dayak, Tuareg, nato e vissuto nel deserto, è racchiusa una grande verità: la difficoltà a raccontare il deserto.

Ci hanno provato in tanti, nessuno c'é riuscito pienamente.

Il mio è un altro tentativo. So che sarà limitato, ma ci provo.

Il linguaggio è quello delle immagini, un codice di luci e ombre.

Se riuscirò a comunicare anche solo una piccola parte delle emozioni che ho provato nel deserto, ne sarò felice.

Per me il deserto è una dimensione interiore, è il ricordo delle passeggiate notturne tra le dune, è il silenzio totale, è sentirsi in sintonia con la propria anima.

 

 

Affondavo nella sabbia fino alle ginocchia. Il cuore mi batteva forte, lo sentivo pulsare nella testa, mi mancava il respiro. Ancora pochi passi e sarei arrivato sulla cima della duna.

Quella sera, decisi di andare a camminare... com'era mia consuetudine quando ero in viaggio. La serata era calma e tiepida, il sole era tramontato delicatamente dietro ad un profilo di dune. Al campo il solito fermento si era placato e, finita la cena,  il suono della chitarra e le canzoni riempivano l'aria circostante.

Mi allontanai camminando con lentezza. La giornata era trascorsa piacevolmente, mi sentivo bene, rilassato e sereno. Camminavo a piedi scalzi e mi piaceva la sensazione che mi procurava la sabbia fresca che scivolava sotto la pianta dei piedi. Una mezza luna rischiarava appena il cielo, lasciando alle stelle il ruolo delle protagoniste. Passo dopo passo sentii le voci affievolirsi fino a divenire un flebile suono che svanì completamente quando discesi una piccola duna ed entrai in un catino di sabbia sovrastato da una duna che si ergeva molto più alta. Il silenzio divenne totale.  Mi fermai, trattenni il respiro per cercare di cogliere ogni impercettibile segnale sonoro. Nulla! Nessun rumore! Rimasi immobile, in apnea, per un altro po'. Ancora niente! Il silenzio era assoluto! Un brivido mi percorse la schiena. Provai paura, ebbi la sensazione profonda di essere da solo, nella notte, immerso in un'immobilità cosmica. Ero indeciso se tornare indietro o proseguire il cammino. Mi sarebbe bastato risalire il catino di sabbia nel quale mi trovavo per risentire le voci rassicuranti dei compagni di viaggio. Rimasi sgomento ancora un po', poi la paura svanì. Mi sentii più rasserenato, volevo proseguire...






Torna alla homepage




CARRELLO DELLA SPESA
  sono presenti
0 prodotti
 
     

Login

NEWSLETTER
inserisci la tua email:
 
 
     

Novità