Menù
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità

Categorie
Achab
Argonavis Edizioni
Arterigere
AttilioFraccaroEditore
Autoproduzioni Fenix
Azione Sperimentale
Bébert Edizioni
ben...Essere
BFS Edizioni (Biblioteca Franco Serantini)
Biblohaus
Bizzarro!
Book Editore
Casa di Marrani
CD Musica
Centro Documentazione di Pistoia
Centro Espressioni Cinematografiche
Centro Studi Cinematografici
Cinemareale Associazione Culturale
Cinemazero
Città del Sole Edizioni
Colibri'
Diest
Dissensi Edizioni
Drago Edizioni
Ecomuseo Colombano Romean
Edicta
Editrice A
Edizioni Creativa
Edizioni del Faro
Edizioni L'internazionale
Edizioni Nautilus Torino
Edizioni S
Ellin Selae
EMI
Ente dello Spettacolo
Eris Edizioni
Ermes
Ferrari Editore
Frullini Edizioni
Gallino
GME Produzioni
Il Galeone
Immanenza
Impremix
Intra Moenia
Isonomia
Istrixistrix
Jona editore
Kappa Vu
Kurumuny
L'Obliquo
La Cineteca del Friuli
La città del sole
La Fiaccola
La Mandragora
La Memoria del Mondo
La Piccola
La Rosa
La Tana
La Zattera dell'Arte
La Zisa
Lorusso Editore
Lu.Ce Edizioni
Magmata
Malanotte Autoproduzioni
Marco
Marx Ventuno
MC Editrice
Memoria Generazionale
Michele Manca Edizioni
Moroni Editore
Multimedia
Muscles
Nautilus
NonCredoLibri
Ortica Editrice
Petite Plaisance
Porfido
Progetto Accademia
Prospettiva Editrice (Civitavecchia)
Prospettiva Edizioni
Punto Rosso
Rave Up
Red Star Press
Rinascita Edizioni
Sabbiarossa Edizioni
Sala
Sankara
Savej
SEB 27
Secondavista Edizioni
Seminario Veronelli
Sensibili alle foglie
Serarcangeli
Shambhu
Sicilia Punto L Edizioni
Simple
Società di Mutuo Soccorso Ernesto de Martino
Storia Ribelle
Tabor
Tucker Film
Zambon
Zero in Condotta

CERCA
inserisci una parola:
 
 
     

offerte

RESISTENZA COMUNISTA IN GERMANIA 1933-1945



Prezzo*: € 10,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Secondo la storia ufficiale, la resistenza tedesca al nazismo si ridusse alle gesta di qualche umanista isolato, come gli universitari della “Rosa bianca”, o gli ufficiali che tentarono di uccidere Hitler il 20 luglio 1944. La resistenza comunista è data per inesistente. E purtuttavia...
“… sabotatori che spedirono in fondo al mare diverse navi, propagandisti che stamparono e diffusero la stampa clandestina dal primo all’ultimo giorno del III Reich, guerriglieri che resistettero vittoriosamente ai distaccamenti SS, talpe che informarono quotidianamente l’Armata Rossa dei piani di battaglia hitleriani, operai che spedirono alla rottamazione la produzione di un’intera annata di una fabbrica aeronautica...”

Nelle fabbriche, nelle prigioni, nella clandestinità, la resistenza anti-nazista dei comunisti tedeschi fu condotta fra difficoltà inconcepibili e al prezzo di sacrifici inauditi.
Questa lotta costituì una pagina di gloria, ma anche un’esperienza preziosa.
È solo alla luce della incisività dei colpi inferti all’apparato militare nazista e dell’efficacia di questi successi e che si spiegano le vere ragioni delle miserabili menzogne e delle censure della storiografia della Germania occidentale verso la resistenza comunista.

Non dimentichiamo che l’incessante campagna anticomunista in Germania viene gestita a livello “scientifico” da un supponente Istituto per la Formazione Politica (“Bundeszentrale für Politische Bildung”) che costituisce un obbligato punto di riferimento per editori, giornalisti, insegnanti e studenti. Alla censura ed ai dettami di questo Istituto soggiacciono programmi scolastici e libri di testo. Chi osa mettere in discussione la “verità” ufficiale sui temi del nazismo, del comunismo, dell’11 settembre, della rivoluzione nei paesi del terzo mondo (e sempre più frequentemente del sionismo) potrà saggiare sin dai banchi di scuola l’inebriante sapore della repressione.

Uno dei capolavori di questo Istituto è quello di esser riuscito a lobotomizzare l’opinione pubblica, imprimendo nella mente dei cittadini-sudditi il falso mito dei “fratelli gemelli” – comunismo-fascismo. Pur percepito nella forma di lontana minaccia, il comunismo resta dunque ancora oggi un temibile nemico per quella borghesia che, ieri, ha portato Hitler al potere per proteggersi dal “bolscevismo” e che, oggi, si atteggia a campione di democrazia e dell’antifascismo.




Torna alla homepage




CARRELLO DELLA SPESA
  sono presenti
0 prodotti
 
     

Login

NEWSLETTER
inserisci la tua email:
 
 
     

Novità