Menù
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità

Categorie
Achab
Argonavis Edizioni
Arterigere
AttilioFraccaroEditore
Autoproduzioni Fenix
Azione Sperimentale
Bébert Edizioni
ben...Essere
BFS Edizioni (Biblioteca Franco Serantini)
Biblohaus
Bizzarro!
Book Editore
Casa di Marrani
CD Musica
Centro Documentazione di Pistoia
Centro Espressioni Cinematografiche
Centro Studi Cinematografici
Cinemazero
Città del Sole Edizioni
Colibri'
Diest
Dissensi Edizioni
Drago Edizioni
Ecomuseo Colombano Romean
Edicta
Edizioni Creativa
Edizioni del Faro
Edizioni L'internazionale
Edizioni Nautilus Torino
Edizioni S
Ellin Selae
EMI
Ente dello Spettacolo
Eris Edizioni
Ermes
Ferrari Editore
Frullini Edizioni
Gallino
GME Produzioni
Il Ciliegio
Il Galeone
Immanenza
Impremix
Intra Moenia
Isonomia
Istrixistrix
Kappa Vu
Kurumuny
L'Obliquo
La Cineteca del Friuli
La città del sole
La Fiaccola
La Mandragora
La Memoria del Mondo
La Piccola
La Rosa
La Tana
La Zattera dell'Arte
Lorusso Editore
Lu.Ce Edizioni
Magmata
Malanotte Autoproduzioni
Marco
Marx Ventuno
MC Editrice
Memoria Generazionale
Michele Manca Edizioni
Moroni Editore
Multimedia
Muscles
Nautilus
NonCredoLibri
Ortica Editrice
Petite Plaisance
Porfido
Prospettiva Editrice (Civitavecchia)
Prospettiva Edizioni
Punto Rosso
Rave Up
Red Star Press
Rinascita Edizioni
Sabbiarossa Edizioni
Sala
Sankara
SEB 27
Secondavista Edizioni
Seminario Veronelli
Sensibili alle foglie
Serarcangeli
Shambhu
Sicilia Punto L Edizioni
Simple
Società di Mutuo Soccorso Ernesto de Martino
Storia Ribelle
Tabor
Tucker Film
Zambon
Zero in Condotta

CERCA
inserisci una parola:
 
 
     

offerte

L’ALBERO DEL PECCATO



Prezzo*: € 14,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Giorgio Panizzari
L’albero del peccato
2017, 208 pagine, 14 euro
13,5 x 21 cm, copertina a colori con alette

isbn 978-88-97206-37-8

Questo testo abbraccia un arco temporale che arriva fino al 1989, con uno sguardo che ha cominciato a tradursi in scrittura all’inizio di quel decennio, e scava in un vissuto diretto, riletto in chiave storico-critica e portato al livello dell’enunciazione teorica. In che cosa questo libro che giunge oggi finalmente alle stampe è unico? Anzitutto nel fatto di costituire anche una testimonianza piena e diretta d’una fase durata oltre un decennio di lotta accesa e collettiva nelle carceri italiane.
Giorgio Panizzari analizza “sul campo” il ciclo economico di produzione, interrogandolo a partire dalle forme di vita della frazione prigioniera del proletariato extralegale in Italia, e – quasi volesse accogliere il suggerimento dell’autore della Mandragola: "Scrivete i vostri costumi, se volete conoscere la vostra storia" – porta al livello d’un’analisi storica generale una vicenda esemplare, al contempo personale e collettiva: quella di uno specifico ciclo di lotte che investì l’intero sistema degli istituti di prevenzione e pena italiano, un ciclo lungo il quale, “a inter-mittenza”, giunse perfino a incrinarsi la separazione fra “dentro” e “fuori” il carcere, qualificando decisamente la composizione sociale del proletariato extralegale e dell’extralegalità proletaria.
La consapevolezza di questa serie di nessi e implicazioni emerge ripetutamente nel testo, laddove per esempio la forma specifica della “modernizzazione” penal-penitenziaria viene fatta affiorare come politica d’una “soluzione finale” dell’espressione più genuinamente di massa d’un movimento che, nato dalle lotte del 1967-69, raggiunge il suo acme nelle “lunghe lotte di Torino nel 1979” e si estende, per "alcune sue componenti, soprattutto quelle politiche o più politicizzate", anche ai due anni successivi. A quel punto, secondo l’Autore, il carattere sostanzialmente simbolico degli episodi di resistenza che continuano a verificarsi tende più all’autorappresentazione che a una concreta incidenza sulla situazione, in rapporto alla quale non è più sufficiente la semplice volontà dei prigionieri. La stessa messa in mora della funzione dell’Asinara, la sua chiusura definitiva come polo di massima deterrenza, "chiude un ciclo, o meglio una congiuntura storica" su cui l’Autore non trae conclusioni, preferendo lasciarle alla libera interpretazione di chi legge. Gli anni successivi, arrivando fino ai nostri giorni, saranno quelli d’un’emergenza assurta a forma di governo, del farsi onnipervasivo della premialità e d’un’estensione del carcerario che travalica ogni misura precedente.

Un primo abbozzo di questo percorso di ricerca, corrispondente grossomodo ai capitoli III e IV del presente volume, comparve nel 1983, a Parigi, per le Edizioni Rebelles, a firma del Collettivo prigionieri comunisti delle Brigate Rosse. Il Collettivo Rebelles anteponeva al testo la seguente nota editoriale:
«Questo scritto esce a stampa a tre anni di distanza dalla sua stesura (che risale al dicembre ’80-gennaio ’81 – l’indicazione “gennaio ’83” che compare sul dorso del libro è evidentemente un errore tipografico) e per iniziativa del Collettivo Rebelles a causa delle difficoltà frapposte dallo Stato italiano alla sua pubblicazione.
Dal tempo della sua stesura “molta acqua è passata sotto i ponti” sia per il movimento rivoluzionario sia per la controrivoluzione.
Il centro dello scontro nel movimento rivoluzionario italiano attualmente si è spostato su temi diversi per molti aspetti da quelli trattati in questo libro; la sua pubblicazione in questi mesi potrebbe addirittura essere sentita, a torto, come una presa di posizione del Collettivo Rebelles a favore delle correnti “soggettiviste” che si ostinano ancora a porre il proletariato prigioniero come soggetto centrale del movimento rivoluzionario o addirittura a costruire una immagine della società metropolitana a somiglianza di un grande penitenziario determinato in ogni sua articolazione da un Grande Direttore.






Torna alla homepage




CARRELLO DELLA SPESA
  sono presenti
0 prodotti
 
     

Login

NEWSLETTER
inserisci la tua email:
 
 
     

Novità