Menù
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità

Categorie
Achab
Argonavis Edizioni
Arterigere
AttilioFraccaroEditore
Autoproduzioni Fenix
Azione Sperimentale
Bébert Edizioni
ben...Essere
BFS Edizioni (Biblioteca Franco Serantini)
Biblohaus
Bizzarro!
Book Editore
Casa di Marrani
CD Musica
Centro Documentazione di Pistoia
Centro Espressioni Cinematografiche
Centro Studi Cinematografici
Cinemazero
Città del Sole Edizioni
Colibri'
Diest
Dissensi Edizioni
Drago Edizioni
Ecomuseo Colombano Romean
Edicta
Edizioni Creativa
Edizioni del Faro
Edizioni L'internazionale
Edizioni Nautilus Torino
Edizioni S
Ellin Selae
EMI
Ente dello Spettacolo
Eris Edizioni
Ermes
Ferrari Editore
Frullini Edizioni
Gallino
GME Produzioni
Il Ciliegio
Il Galeone
Immanenza
Impremix
Intra Moenia
Isonomia
Istrixistrix
Jona editore
Kappa Vu
Kurumuny
L'Obliquo
La Cineteca del Friuli
La città del sole
La Fiaccola
La Mandragora
La Memoria del Mondo
La Piccola
La Rosa
La Tana
La Zattera dell'Arte
La Zisa
Lorusso Editore
Lu.Ce Edizioni
Magmata
Malanotte Autoproduzioni
Marco
Marx Ventuno
MC Editrice
Memoria Generazionale
Michele Manca Edizioni
Moroni Editore
Multimedia
Muscles
Nautilus
NonCredoLibri
Ortica Editrice
Petite Plaisance
Porfido
Progetto Accademia
Prospettiva Editrice (Civitavecchia)
Prospettiva Edizioni
Punto Rosso
Rave Up
Red Star Press
Rinascita Edizioni
Sabbiarossa Edizioni
Sala
Sankara
SEB 27
Secondavista Edizioni
Seminario Veronelli
Sensibili alle foglie
Serarcangeli
Shambhu
Sicilia Punto L Edizioni
Simple
Società di Mutuo Soccorso Ernesto de Martino
Storia Ribelle
Tabor
Tucker Film
Zambon
Zero in Condotta

CERCA
inserisci una parola:
 
 
     

offerte

MEMORIA CONDIVISA E RICONCILIAZIONE



Prezzo*: € 20,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Memoria condivisa e riconciliazione – Verità “nascoste” sul Fascismo e sul Comunismo

20.00€

Autore:  Luca Natali - 2018 - ISBN 978-88-6924-324-0 - Simple

Dalla Premessa: «[…] come sono andati realmente i fatti avvenuti nel corso del Novecento e che hanno visto, in particolare, quali diretti interessati i ‘fascisti’ da un lato e gli ‘antifascisti’ dall’altro? Cercheremo di rispondere a tale domanda anche, e soprattutto, attraverso la testimonianza diretta dei moltissimi che in quel periodo si trovarono, volenti o nolenti, a vivere tristi vi­cende prebelliche, belliche e postbelliche. […] Scopriremo cose piuttosto interessanti, in parte già note ai più, ma spesso taciute o negate: che gli italiani furono, per la maggior parte, dichiaratamente fascisti e sostenitori del governo di Mussolini; che l’Armistizio dell’8 settembre del 1943 e la conseguente fu­ga del Re, di Badoglio e del Governo tutto, e l’abbandono dei soldati alla mercé dei tede­schi nostri vecchi alleati, furono tra le pagine peggiori della storia italiana, un vile tradi­mento; che per riscattare l’Onore perso dopo l’Armistizio, migliaia di giovani e giovanis­simi (spesso minorenni) si arruolarono nella RSI, giovani che non erano necessariamente fascisti, semplicemente erano desiderosi di lavare l’onta del disonore con le armi, quelle stesse armi che il Governo del re Vittorio Emanuele III e Pietro Badoglio misero ‘nelle mani’ dei vecchi ‘nemici’ e nuovi alleati: gli anglo-americani; che quei giovani, arruola­tisi per combattere lo straniero invasore, si trovarono molto spesso, invece, a combattere contro i loro stessi ‘fratelli’ italiani, che erano inquadrati in bande partigiane spesso in contrasto tra loro, in quanto vi era chi desiderava la restaurazione della libertà e della democrazia, ovvero i partigiani cattolici e laico-socialisti, e chi, al contrario, lottava per la instaurazione in Italia del comunismo di Stalin, ovvero i partigiani comunisti. Scopri­remo, in definitiva, come i comunisti di allora e quelli inquadrati nel partito comunista italiano, sino ad anni a noi vicini, agirono per conseguire i loro scopi, dove non vi era spazio per tentennamenti e scrupoli di coscienza, ove l’“odio” e la “demonizzazione dell’avversario” erano capaci di assolvere “da qualsiasi infamia”, quella ‘rossa’ ovvia­mente! […] Nel testo trova posto, inoltre, una lunga elencazione di leggi, decreti, iniziative intraprese nei più disparati ambiti della vita pubblica dal Fascismo, tra il 1922 e il 1945. […]
“[…] nemmeno i più accaniti si provano a condannarne la politica sociale ed econo­mica, né la gestione della cosa pubblica. […] D’altra parte basterebbe una sola considera­zione oggettiva a dare incontrovertibilmente atto della positiva opera che il regime fasci­sta ha attuato: dopo quasi sessant’anni di repubblica resistenziale, quasi tutte le leggi pro­mulgate dal Fascismo sono ancora vigenti”. […]».






Torna alla homepage




CARRELLO DELLA SPESA
  sono presenti
0 prodotti
 
     

Login

NEWSLETTER
inserisci la tua email:
 
 
     

Novità