Storia del materialismo e critica del suo significato nel presente II. Storia del materialismo da Kant

25,00 €
Tasse incluse

Autore: Friedrich Albert Lange - 2015 - ISBN 9788898926404 - Immanenza

Ultimi articoli in magazzino

“Il materialismo, più di ogni altro problema, si attacca alla realtà, ossia all’insieme dei fenomeni necessari, dati dalle impressioni che subiscono forzatamente i sensi. Quanto ad una realtà quale l’uomo se la figura, e quale egli continua a desiderarla dopo che è crollata la chimera di un’esistenza assolutamente solida, indipendente da noi e tuttavia riconosciuta da noi, una realtà simile non c’è e non ci può essere, perché il fattore sintetico, creatore della nostra conoscenza, si estende effettivamente sino alle impressioni prime dei sensi e fino agli elementi della logica. L’universo è non solamente una rappresentazione; è anche la nostra rappresentazione, un prodotto dell’organizzazione della specie, nei tratti gene-rali e necessari di ogni esperienza, un prodotto dell’individuo nella sintesi disponente liberamente dell’oggetto. Si può dunque anche dire che la “realtà” è il fenomeno per la specie, mentre l’apparenza ingannatrice è un fenomeno per l’individuo, fenomeno che non diventa un errore se non perché gli si attribuisce la real-tà, ossia l’esistenza per la specie...”Friedrich Albert Lange (1828-1875), filosofo tra i fondatori del neo-kantismo. Dal 1865 Lange fu membro del comitato permanente del Deutscher Arbeiterverein, negli stessi anni ricevette una cattedra a Zurigo e, successivamente, a Marburgo. Il suo pensiero politico-sociale ri-sente dei toni di un socialismo etico, nel quale si fondono idealismo pratico kantiano, socialismo di Lasalle, accenni scientifici darwiniani e aspetti riformisti. Nella sua opera più conosciuta, la Storia del materialismo, considera, attraverso la lente del criticismo kantiano, il materialismo quale strumento scientifico, assegnandogli così un posto preciso nell’ambito della conoscenza. La sua personale interpretazione delle forme a priori kantiane può esser definita “fisiologista”, in quanto collega queste con l'organizzazione del soggetto conoscente.