• Nuovo prodotto

Per l'abolizione della maternità surrogata

15,00 €
Tasse incluse

A cura di Marie-Josèphe Devillers, Ana-Luana Stoicea-Deram - 2022 - ISBN 9788831384926 - Ortica

La pratica della maternità surrogata è un crimine contro le donne e contro i figli, viola i diritti umani fondamentali favorendo la mercificazione del corpo femminile. Questa pratica nasce alla fine degli anni '70 negli Stati Uniti, dove il mercato riproduttivo, che calpesta i diritti umani delle donne rendendole "grembi a due gambe", è assicurato, gestito e promosso dall'industria della fertilità sempre più in espansione. Già agli inizi degli anni '80 molte femministe avevano compreso il rischio che si celava dietro la maternità surrogata sia per la donna che per i bambini nati da questa pratica: lo sfruttamento delle donne a fini riproduttivi, i rischi per la salute delle donne e i danni allo sviluppo dei bambini nati da maternità surrogata, consegnati a "genitori altri" con una separazione forzata dalla madre biologica. Viene qui sfatato il mito della "libera scelta" nella maternità surrogata: in un sistema dominato dagli uomini e dalla mercificazione, lo sfruttamento delle donne nella maternità surrogata, come nella prostituzione, è intrinsecamente dannoso: le donne ricche non scelgono di diventare madri surrogate o prostitute.

chat Commenti (0)
Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.