QUANDO LA CINA ERA VICINA

15,50 €
Tasse incluse

Autore: Roberto NICCOLAI - 1998 - ISBN 9788886389372 - BFS e Centro Documentazione Pistoia

La Rivoluzione Culturale e la sinistra extraparlamentare italiana negli anni '60 e '70

prefazione di Renzo Rastrelli

Il 1989 rappresenta l'anno della rivoluzione, dell'inizio dello sgretolamento del socialismo reale, dell'‹‹impero sovietico››; più impropriamente la fine del comunismo. Per altri viene anche considerato l'ultima tappa di una rivoluizone iniziata ben tre decenni prima, la cui data si ottiene, per ironia della storia, ruotando di centottanta gradi quell'89 che si trasfoma nell'anno fatidico: il '68. Fu proprio nel 1968 anno-periodo che emerse, come un grande fiume carsico, una delle più vaste e contradditorie contestazioni al modello del socialismo sovietico che la storia ricordi. In quel caso però il movimento di protesta proponeva un'alternativa al sistema indicato da Mosca. Per moli il punto di riferimento fu la Cina di Mao e per alcuni di essi fu, soprattutto, la Rivoluzione Culturale della metà degli anni '60. L'autore ha analizzato criticamente, attraverso lo spoglio sistematico sia di fonti edite che inedite, il fenomeno della nascita e dello sviluppo del maoismo in Italia.